Enter your keyword

Prevenzione oncologica, alimentazione e stile di vita

Isomed Beauty Blog

Bellezza e Salute Online

Cerchi un Centro Estetico, Medicina Estetica, Avanzata o Dentale, Dimagrimento, Dermatologia, Chirurgia Plastica o Prevenzione a Pietrasanta? Scopri ISOMED
Prevenzione oncologica, alimentazione e stile di vita

Prevenzione oncologica, alimentazione e stile di vita

La prevenzione oncologica attraverso alimentazione e stile di vita.

Molto spesso si sente parlare di prevenzione, ma non sempre si approfondisce realmente l’argomento da riuscire a capirne l’importanza ed i mezzi che disponiamo per metterla in atto. Questo breve articolo prende vita dalle raccomandazioni del WCRF, World Cancer Research Fund, al fine di potervi garantire una base di conoscenza generale delle metodiche da mettere in atto in campo alimentare e nel vostro stesso stile di vita.

Che cosa possiamo concretamente fare per prevenire il cancro? Ecco a voi 10 raccomandazioni dalle quali poter partire:

  1. Mantenersi normo peso, BMI tra 18.5 e 25. L’obesità risulta essere un fattore di rischio per lo sviluppo di tumori nei seguenti distretti corporei: mammella (post menopausa), ovaio e utero, rene, intestino, cistifellea, pancreas, fegato, stomaco, esofago, lingua, faringe e laringe.
  2. Praticare uno stile di vita attivo. I report scientifici confermano il ruolo protettivo dell’attività fisica nel cancro del colon, del seno in pre e post menopausa e dell’endometrio. Lo stile di vita attivo può essere mantenuto sia tramite attività fisica, si consiglia di partire da 150 minuti di attività aerobica moderata alla settimana e se possibile praticare 75 minuti di attività intensa, sia tramite l’incremento del dispendio energetico quotidiano, come non prendere l’ascensore ma utilizzare le scale.
  3. Seguire una dieta ricca in cereali integrali, verdure, frutta e legumi. L’ elemento comune a queste diverse categorie di alimenti è la fibra che si è accertato essere fondamentale nella riduzione del rischio di cancro al colon. Si raccomanda perciò di consumare almeno 30 g /die di fibra, consumando ad ogni pasto una giusta quantità di cereali integrali, cinque porzioni di frutta e verdura nella giornata ed almeno tre volte a settimana i legumi.
  4. Limitare i cibi spazzatura, fast food, snack, patatine, merendine e piatti già industrialmente pronti ricchi in grassi, zuccheri, amidi, sale e ad un altissimo valore energetico.
  5. Limitare il consumo di carni rosse (bovine, suine, ovine), insaccati e carni conservate. Il report del WCRF 2018 conferma il ruolo delle carni lavorate (salumi etc) nell’aumento del rischio di tumore del colon-retto e delle carni rosse (manzo, maiale e agnello) in maniera probabile nell’aumento del rischio di tumore del colon-retto e naso-faringe. Si raccomanda di limitarsi ad un consumo di tre porzioni piccole a settimana di carni rosse, mentre sarebbe da minimizzare al massimo il consumo di carni conservate.
  6. Limitare il consumo di bevande zuccherate correlate ad un elevato rischio di sviluppare obesità. Bere principalmente acqua
  7. Limitare il consumo di alcol. Le evidenze scientifiche correlano il metabolismo dell’alcol con un maggior rischio di sviluppare sette tipi di tumori. Sarà di buona abitudine perciò bere alcol durante i pasti principali e mai a digiuno, scegliendo bevande a bassa gradazione alcolica come vino e birra, evitando i superalcolici.
  8. Non fare uso di integratori, in quanto alcuni integratori ad alte dosi possono essere dannosi per l’organismo. Cercare di soddisfare i bisogni nutrizionali con gli alimenti, variando il più possibile la scelta alimentare.
  9. Per le madri, scegliere l’allattamento al seno se possibile, in quanto comporta benefici sia al bambino che alla stessa mamma. Ormai è accertato che essere allattato al seno previene il rischio di sovrappeso ed obesità nel bambino, ma è anche un fattore protettivo per la mamma nei confronti del tumore al seno sia pre che post menopausa.
  10. Per chi ha avuto un tumore, in accordo con il medico curante, valgono le stesse raccomandazioni sopra elencate. Tutte le persone che hanno avuto una diagnosi di malattia oncologica dovrebbero ricevere assistenza nutrizionale e consigli sull’attività fisica da professionisti qualificati.

Isomed. Il tuo centro di prevenzione a Marina di Pietrsanta.

No Comments

Post Your Comment

Your email address will not be published.